Barbara Berlusconi conferma la vendita di un 30 per cento del Milan: gruppi russi, arabi e cinesi i candidati

http://carlofesta.blog.ilsole24ore.com/2014/04/02/barbara-berlusconi-conferma-la-vendita-di-un-30-per-cento-del-milan-gruppi-russi-arabi-e-cinesi-i-candidati/

Una quota di minoranza dell’Ac Milan in vendita. Alla fine sono state confermate le indiscrezioni, che per prima ha rilanciato Bloomberg, sulla volonta’ di cedere un 30 per cento del club rossonero. Ad affermarlo e’ stata oggi Barbara Berlusconi, figlia di Silvio Berlusconi e amministratore delegato della societa’ calcistica. Come spiegato proprio in questi spazi sul Sole 24 Ore, circa un mese fa, da tempo alcuni advisor starebbero cercando investitori con incarichi piu’ o meno ufficiali da parte di Fininvest.

Una delle banche al lavoro sarebbe Lazard. Secondo i rumors sarebbero stati contattati potenziali investitori cinesi, russi e del Golfo Persico, in particolare Qatar e Dubai. Resta da capire chi sara’ interessato a comprare una minoranza del club senza avere influenza sulla governance societaria. Uno dei fattori che potrebbe facilitare l’ingresso di un socio potrebbe essere la necessita’ di reperire risorse per investire sulla costruzione del nuovo stadio, progetto allo studio del Milan.

MALDINI: “I SUFFER, MY MILAN HAS BEEN DESTROYED”

PAOLO MALDINI has given La Gazzetta dello Sport an incredible interview in which he discussed the state of Milan.

With the exception of the 2010-2011 in which Milan won the title, they seem to have been going downhill since winning the Champions League in 2007 and this year is the lowest point for Milan as they’re out of everything and sit in 11th place.

Many people have spoken about the situation of Milan, with Arrigo Sacchi claiming that “It is a sad moment for Milan and for Italian football” after Milan’s UCL elimination but no one has been as lethal and on-point as the absolute legend Maldini.

Abate out for 10 days, Bonera & Montolivo to be examined
Game recap: Milan 2-4 Parma

“If I watched the game on Sunday? Yes, also the match with Atletico and nearly all of those for the last two years,” Paolo Maldini said in a long interview with the Italian sports newspaper La Gazzetta dello Sport, which was posted today. “Inside me there was a mix of anger and disappointment – not for the results, because this is already the tenth or eleventh time this has happened – but because the impression is that they have thrown away all that has been built over the last 10 years.

“Milan have had the good fortune to have had more winning cycles with similar synergies of men – I know how much work there was behind so many triumphs, what it took to build such a beautiful story. To see it all destroyed makes me crazy. What this situation is born from? The departures of so many players with a winning mentality. I believe that success depends first of all on the men. Many of these have passed through Milan in the last 25 years, but how many of those work at the club? None. The history of Milan is Filippo Galli, head of the youth sector. And then there is Tassotti, who I feel could leave at the end of the season. If this happens it would be another huge blow. We would lose another piece of history.

The interview of Maldini with La Gazzetta (screenshot)

“I hope it is not true that Tassotti leaves. At Bayern and Real Madrid, the legends work at the club. This is the first big problem. Juventus have understood this and have restructured, starting with a solid group of Italians that know how to reach success. It sounds like I’m talking about myself? I know, but mine is not a personal matter. Some might think that I spit on the plate from which I have eaten, but it is not like this. I suffer seeing Milan in these conditions. I have two children who play in the youth sector – one is now on loan at Brescia – I feel part of the club,” continued the legendary number 3 of Milan.

If I agree that the club has spent poorly? The club must declare that they’ve other objectives – they cannot compete with Juve and are not one of the top 10 teams in Europe. A project does not exist – they look at today and not tomorrow. You must buy players functional to the game, and not only free transfers. You can do well once [with this tactic], but not always.

“And then offering a huge contract serves no purpose. But the problem is structural: Milan have many employees, but it is understructured in the sporting aspect. Galliani is a great leader, but he is not at a level to understand the players. It is all him and this is not possible. If you trust the same agents – one in particular – at times you can make a deal, others not.

“At the base there must be knowledge. In recent years, Braida has played a marginal role. First there was Leonardo (former Milan and Inter coach, and the Paris Saint-Germain sporting director) who helped to understand whether a player was suitable for Milan. I remember when Leo wanted me at all costs to be sporting director, Galliani said: ‘it is an outmoded role’. This is not true. If you surround yourself with capable men, there will be fewer mistakes. Pirlo, for example – if the coach comes and says ‘Andrea is finished, I do not need him anymore’, there must be someone at the club who responds ‘this is not true, Pirlo is a legend of the club, he must stay’. This way, maybe we would not have done Juventus a favour.

“Another problem – the Milan of today cannot allow itself not to have a network of high level scouts. Before, they could choose the best, now you need to go and take players functional to the squad. Milan are lightyears behind smaller teams. The management of Galliani has borne fruit for many years? Yes, but the results do not ever depend on a single person.

“Galliani is the man of reference in every field – sporting and non-sporting. The difference is that before at Milan there was a strong group who knew how to manage the dressing room. If someone did not behave right, we thought we could set them straight. Maybe you can think that there was only Galliani, but there was also a synergy of men with the right knowledge, more than the investment of Berlusconi. With the departures of so many players with winning mentality, it has all collapsed.

“Should Galliani stay or go? It is not for me to say. I think when you feel omnipotent, you do not understand that the results were also thanks to others. To win we want ideas, a project and great passion. At Milan, only the passion remains. It is not enough. If Barbara Berlusconi is at a level to lead Milan? I don’t know. It depends on who you surround her with. I do not think she is an expert on football or footballers. How close was I to return to Milan? I’d 2 conversations with Barbara. After the division of responsibilities I was referred to as the successor to Galliani for the technical area, but I’ve not heard from anyone. She wanted me to transmit everything we have talked about so far – I was ready for it, but there was no follow up.

“How much of the situation is the fault of the club? For sure, this situation does not help the players. The problems were there in the past, but they were managed at Milanello by the coach, captain and players. If Seedorf is the right coach? It is logical that he cannot be an expert, he has great courage and personality, but not even Pep Guardiola could do anything.

“It is not Clarence’s fault – there is a lack of clarity in objectives. Perhaps you could have come to the end of the season and taken a more conservative coach, in order to then start well next year. As it is now, there is a risk he will be burned. If I would have sacked Allegri? The situation in the table was bad, but I never thought another coach could do better or turn the season around. If Inzaghi can be an alternative? He has done two years in the youth sector and this is important.

“But a rookie coach must be supported by a strong structure to ensure he does not get burned. Sacchi and Capello were [rookies] at the start, but could rely on great champions. If the squad is as poor as the table suggests? The classification reflects the value of the performances. If I’ve heard anything from my former teammates about a split in the dressing room? No, I have not heard anything and to the voices I think even less, but in these cases exists a strange situation. There is a group that feels bad, finds anxiety, and the performances are affected, and there are other players who are less involved because maybe they already know they are leaving,” added Maldini, who played in the red & black shirt from 1985 to 2009.

“The team has been built poorly” – Silvio Berlusconi’s words reported by La Gazzetta (screenshot)

“If Milan can win the Scudetto next season like they did in 1999 after finishing 10th and 11th in 1996 and 1998? This Milan is lightyears away from that. To rebuild the squad you need a lot of investment. At that time to start again small alterations were enough. When we won the Champions League in 2007 (by beating Liverpool 2-1 in the final), Galliani said: ‘We do not think of being the best in Europe, it’s not like that’. I had already understood that without a renewal we would start to fall. It was the first step, but the final blow came with the sales of Zlatan Ibrahimovic and Thiago Silva (to Paris Saint-Germain).

“How long will it take to see a competitive Milan? It depends on the objectives. I don’t think the fans just want to see a winning Milan. They would like to see a project – the generational change was fatal. If Balotelli is overrated? He is still not a champion. The same goes for Pato. The day I see them put the team on their shoulders and carry them for 90 minutes, then they will be. He has done it at times. I don’t know him, but I get the impression that if he went to Juventus – a team where there are clear ideas, a tough coach like Antonio Conte and a solid group of Italians – he would make the leap in quality.

“However, it is wrong to put all the weight on Balotelli’s shoulders – he is not the saviour of the country. If I’d have agreed to talk to the Curva? I have always hated these things – I have never accepted that some guys younger than me tell me to work harder when I was the one with the most appearances. If you are not satisfied then whistle me, but it ends there. I remember in 2007 when we won everything, for six months we did not have the support of the Curva. Then I got angry.

“I didn’t understand it. If Berlusconi is too absent? The current situation makes you understand that he is not very involved. The Berlusconi that I knew gave different indications from a sporting point of view,” concluded Maldini, 45-years-old.

Translation credit: @DavidLSwan – acmilanfinance.com

http://www.rossoneriblog.com/2014/03/18/maldini-i-suffer-my-milan-has-been-destroyed/

Barbara vs Marina Berlusconi: vendere o non vendere il Milan?

http://carlofesta.blog.ilsole24ore.com/2014/03/15/barbara-vs-marina-berlusconi-vendere-o-non-vendere-il-milan/

Milan, vendere o non vendere? Questo è il dilemma. Secondo i rumors raccolti da questo blog, la possibilità di una cessione del club rossonero (più facilmente di una minoranza) sarebbe sul tavolo della famiglia Berlusconi. Ma le posizioni sarebbero distanti tra gli stessi componenti della famiglia.

Barbara Berlusconi, che da poco è salita alla guida della società, starebbe rilanciando sulle strategie economiche del club, a cominciare dalla possibilità di avere in futuro lo stadio di proprietà. Su posizioni opposte sarebbe invece Marina Berlusconi, che da tempo riterrebbe il club rossonero fonte di assorbimento di capitali per la holding Fininvest. Neutrale il resto della famiglia (a cominciare da Piersilvio Berlusconi), mentre Silvio Berlusconi sarebbe per ora alla finestra, senza avere preso ancora una decisione, che sarebbe quella cruciale per il vero destino dei rossoneri. Per ora tutti negano, a cominciare da Fininvest e da Silvio Berlusconi, ma probabilmente la possibilità che si cerchino investitori per il Milan non è mai stata concreta come oggi. Il problema è trovare qualcuno che sia disposto ad entrare in minoranza e in aumento di capitale: cosa assai difficile per un club di calcio. Di sicuro i prossimi mesi saranno fondamentali: senza le Coppe il Milan perderà importanti introiti e per investire dovrà aprire la cassaforte Fininvest, che non si trova certo nelle condizioni migliori per fare investimenti milionari. Difficile che a salvare la situazione sia il solito Adriano Galliani, che fino ad oggi era riuscito a rilevare giocatori importanti con investimenti minimi: l’ex Ad rossonero, forte di un ricco contratto di cinque anni, starebbe assistendo senza intromettersi nella situazione azionaria. Di sicuro un Milan perdente e nell’oblio sarebbe dannoso anche sul versante del marketing e comunicativo per Silvio Berlusconi che ha sempre giocato l’arma della “squadra più vincente al mondo” anche nell’agone politico.

La vendita di una quota dell’Ac Milan e’ questione di famiglia: il dossier a gruppi asiatici, russi e arabi

Che succede in Fininvest sul tema Ac Milan? Dopo l’eliminazione dalla Champions League e i mancati introiti derivanti, si fa sempre piu’ serio il nodo degli investimenti necessari per riportare in alto i rossoneri: soldi che la Fininvest della famiglia Berlusconi non puo’ e non vuole dare.

Allora si ripresenta il tema del nuovo socio azionario: malgrado le smentite dello stesso Silvio Berlusconi e della Fininvest, sembra che l’apertura del capitale potrebbe essere un discorso non chiuso. Anzi, il famoso teaser sull’Ac Milan, preparato dalla banca d’affari Lazard, esisterebbe eccome, nonostante le smentite di rito. A riceverlo sarebbero stati investitori potenziali asiatici, russi e arabi. Ma si tratterebbe di una documentazione generica: insomma, secondo questo blog, si tratterebbe non di un processo formale ma piu’ probabilmente di un sondaggio per capire chi potrebbe essere interessato all’Ac Milan, per quale quota azionaria e a che prezzo. Ma chi sarebbe interessato a cedere il Milan: non dimentichiamo che nella famiglia Berlusconi esistono diversi componenti interessati (e non interessati) ai destini rossoneri, anzi piu’ sensibili alle finanze di Fininvest: nella prima schiera c’e’ Barbara Berlusconi, impegnata direttamente sul Milan, nella seconda schiera c’e’ Marina, che guarda alla redditivita’ dei conti della holding. Quindi? E’ presto per dirlo ma alla fine, come sempre, sara’ Silvio Berlusconi a dire se l’operazione di cessione di una quota potra’ (o non potra’) farsi.

Carlo Festa: Tre ragioni per cui Silvio Berlusconi (per ora) non cederà il Milan

Non si sono ancora totalmente cancellati gli echi della notizia di Bloomberg sulla cessione dell’Ac Milan da parte della Fininvest della famiglia Berlusconi. L’indiscrezione, che si basava sull’assegnazione di un incarico di advisor sulla vendita alla banca Lazard, è stata smentita prima dalla holding di via Paleocapa e, il giorno dopo, dallo stesso Silvio Berlusconi. Quindi? Tutte speculazioni? Le solite voci create ad arte? Per capire quello che sarà del Milan bisogna fare qualche passo indietro.

Negli ambienti finanziari si sa da tempo che la situazione in casa Ac Milan, nel rapporto con gli azionisti, è di questo tipo: Fininvest cederebbe il Milan anche domani, visto che assorbe cassa e non genera utili, ma a decidere del futuro rossonero è sempre stato solo e soltanto Silvio Berlusconi. Allora, partendo da questo presupposto, è mai successo che negli ultimi anni il Milan sia entrato in una trattativa seria con qualche gruppo disposto a comprarlo?

Per trovare l’unica trattativa, in qualche modo seria, bisogna risalire al 2009: a quel tempo aveva fatto un’offerta abbastanza seria per il Milan un gruppo finanziario di Dubai. Nello stesso anno, inoltre, aveva mostrato interesse per i rossoneri anche il gruppo Gazprom, data la consuetudine tra Silvio Berlusconi e Vladimir Putin. Proprio l’offerta di Gazprom, più che quella mediorientale, era riuscita a fare breccia, ma alla fine (con Fininvest d’accordo) aveva bloccato tutto all’ultimo proprio Silvio Berlusconi. Sempre nel 2009, l’imprenditore albanese Rezart Taci (amico di Adriano Galliani) si era detto disposto a comprare il Milan ma le sue mire erano state viste più come una trovata di marketing che altro.

Da allora, a dire la verità, poco è successo. Nel 2011 Silvio Berlusconi era volato a Mosca al compleanno di Putin e, raccontano le cronache di quell’eventi, l’ex-premier era stato avvicinato da un ricco imprenditore russo pronto a investire sul Milan. Ma quelle erano parole in libertà, dette fra l’altro a una festa. Si arriva quindi allo scorso anno. Diverse banche d’affari, senza un incarico diretto ma sotto traccia e in qualche modo stimolate da Fininvest, provano a sondare gli investitori esteri interessati. Viene fuori che ci potrebbe essere un gruppo cinese interessato a guardare il club rossonero, ma lì finisce. Berlusconi, impegnato tra politica e vicende giudiziarie, non pensa proprio a cedere i rossoneri.

Arriviamo a tempi più recenti. Dopo l’estate scoppia la querelle tra Adriano Galliani e Barbara Berlusconi. Alla fine, dopo la minaccia di dimissioni con annessa mega-liquidazione, Silvio Berlusconi stesso trova la quadratura tra la figlia e il fedele dirigente da una vita accanto a lui. I due trovano una convivenza forzata con il doppio ruolo di capoazienda, anche se con funzioni diverse e non sovrapposte.

Ma, in questa situazione di incertezza gestionale, cominciano a uscire indiscrezioni. Circa un mese fa trapela un rumors: Lazard avrebbe avuto un incarico per trovare soci per il Milan. Chi scrive questo articolo ne viene a conoscenza, ma la notizia non trova altre conferme tra le fonti finanziarie.  Anzi ne viene fuori una interpretazione che qui riporto per come mi è stata detta ma che sembrerebbe assai credibile. Ecco le tre ragioni per cui Silvio Berlusconi (almeno per ora) non cederà il Milan.

1) Alla figlia Barbara il padre avrebbe promesso maggiori investimenti per il prossimo campionato. Non sarà una campagna faraonica dei bei tempi passati, ma è facile pensare che venga data disponibilità di fare qualche buon acquisto. Probabile che venga deciso di cedere uno dei giocatori della rosa (El Shaarawy?) per ottenere un po’ di liquidità. Insomma, Barbara è appena arrivata al timone del Milan e vuol fare vedere di saperci fare. Sarà difficile, piuttosto, che continui a reggere il precario equilibrio con Adriano Galliani.

2) La seconda ragione è squisitamente politica. Silvio Berlusconi è proteso a contendere a Matteo Renzi il ruolo di leader. Fra i due, dice chi frequenta i salotti politici, è stata trovata una certa sintonia su alcuni temi. Anzi, qualcuno scommette che proprio Renzi potrebbe riuscire a favorire la grazia per Berlusconi dalla condanna comminata dal Tribunale di Milano. Ma le elezioni politiche, se non quest’anno, potrebbero essere non poi così distanti nel tempo. Magari nel 2015. E Silvio Berlusconi non potrà presentarsi alle elezioni senza la creatura sportiva che tanti voti gli ha garantito in passato. Cedere la proprietà sarebbe riconoscere un momento di debolezza.

3) C’è poi un motivo economico. Silvio Berlusconi valuta il Milan quasi un miliardo di euro. Ma quale gruppo, in questo momento di mercato, è disposto a offrire così tanto soldi per un club di calcio? Nessuno. Quindi o scendono le pretese o un accordo è impossibile da raggiungere.

Quindi i tifosi rossoneri potranno o no vedere un nuovo socio (il Qatar della situazione con il Psg) comprare il Milan? Per ora sicuramente no, ma con il tempo (forse nel giro di due-tre anni) sicuramente si. Il Milan, come l’Inter, è destinato a diventare straniero, ma ora non sono ancora maturi i tempi.

Ps: un gossip. Perché la Bloomberg che ha dato la notizia è stata firmata da New York? La fonte in questione andrebbe rintracciata in uno degli advisor storici del mondo del calcio che ci sono nella Grande Mela. Non dimentichiamo che, malgrado il calcio non sia così famoso negli Usa, i maggiori consulenti (capaci di trattare la cessione dei club) sono proprio negli Stati Uniti.

Il tam tam delle indiscrezioni sui vertici di Milan e Inter

Chi comanda in casa Milan e Inter? La domanda sorge spontanea anche negli ambienti finanziari, dove si guarda con curiosità alle vicende ai piani alti dei rossoneri e dei nerazzurri. Secondo i rumors, malgrado il patto di convivenza raggiunto alla fine dello scorso anno grazie all’intervento di Silvio Berlusconi e del mediatore Bruno Ermolli, non sarebbe per niente rasserenata la situazione tra Barbara Berlusconi e Adriano Galliani.

L’ascesa ad amministratore delegato della figlia di Silvio Berlusconi con la separazione delle competenze da quelle di Adriano Galliani sembra aver congelato la diatriba tra i due almeno fino al termine del campionato. Secondo i bene informati Barbara avrebbe ottenuto dal padre l’impegno ad investire un po’ di più sul rafforzamento dei rossoneri, rispetto al magro budget degli ultimi anni. Dal canto suo Galliani (che ha sempre difeso l’operato di Massimiliano Allegri fino a poche ore prima dell’arrivo di Clarence Seedorf) sarebbe in attesa degli eventi, indeciso sul da farsi anche per il forte legame sentimentale che lo lega al Milan dopo quasi 30 anni di militanza rossonera. Una lunghissima esperienza che, in alcuni ambienti societari, è stata confrontata (peraltro in modo un po’ ironico) con le dichiarazioni di Barbara Berlusconi di qualche mese fa  all’HuffPost quando la figlia dell’ex-premier ha spiegato che in tre anni di Milan ha maturato l’esperienza e la competenza necessaria per dare un contributo importante alla società.

Se poi si guarda in casa Inter, la domanda sorge ancora più forte. Chi comanda in casa Inter? I rumors su Erick Thoir si sprecano in queste settimane. Forse a molti è sfuggito un colonnino al veleno oggi del Corriere della Sera a firma di Daniele Dallera, firma di via Solferino che si scomoda pochissime volte e mai a caso. Dice Dallera: “Le voci che girano su Thoir sono tante, troppe, nate fin dalla sua apparizione sul palcoscenico del calcio italiano. Per fermare questo fastidioso tam tam non c’è che una strada: fare davvero il presidente. Ma è lui il proprietario dell’Inter o l’esponente di punta di una cordata indonesiana più affollata di quanto si sapeva, che ne condiziona i movimenti in termini economici?” Insomma, che per Milan e Inter fossero finiti i tempi dei grandi acquisti lo si sapeva da tempo. Meno certo è quello che potremo sapere in futuro sui vertici societari.

PRIMAVERA: OGGI E’ DERBY

oggi alle 14.30 Inter-Milan in diretta su Milan Channel.

MILANO – Dopo lo sfortunato epilogo su calcio d’angolo e ai tempi supplementari del derby di Coppa Italia disputato lo scorso 21 Dicembre allo Stadio Brianteo di Monza, torna Inter-Milan Primavera.
Si gioca oggi alle 14.30, in diretta su Milan Channel, come recupero dell’8′ giornata del Campionato Primavera TIM. L’arbitro sarà il signor Rosario Albisso, sezione arbitrale CAN di Palermo.

Al termine della partita quattro ragazzi rossoneri, da Iotti a Calabria, da Piccinocchi a Pinato, raggiungeranno il Centro tecnico federale di Coverciano per rispondere alla convocazione per lo stage della Nazionale Under 19. Ieri invece è finita con il risultato di 5-0 l’amichevole giocata dall’Italia Under 16 contro gli Allievi ’97 della Fiorentina. Sei i rossoneri impiegati nel match: Malberti, Iudica, Llamas, Crosta, Mastour e Cutrone. Questi due sono andati in gol: l’ex Reggiana al 61′ mentre Cutrone ha realizzato una doppietta segnando al 18′ e al 33′.

Intanto è stata resa nota la giornata di gara della partita valida per gli Ottavi di finale di UEFA Youth League: Chelsea-Milan, Stadio EBB, Aldershot Town, Martedì 25 Febbraio 2014 alle 16.00.

Questo invece il programma complessivo di gare di oggi del Settore Giovanile del Milan:
domenica 12 gennaio 2014
Primavera
INTER-MILAN, 8′ andata recupero, ore 14:30, CS G.FACCHETTI VIA SBARBARO 5/7 MILANO

Allievi Nazionali
MILAN-MODENA, 1′ ritorno, ore 15:00, CS VISMARA Via dei Missaglia 117 Milano campo Stadio (suss D)

All. I/II div.
ALBINOLEFFE-MILAN, 1′ ritorno, ore 14:30, CAMPO KENNEDY VIALE RIMEMBRANZE 12 ALBINO (BG)

Giovanissimi Nazionali
MILAN-ATALANTA, 1′ ritorno, ore 11:00, CS Vismara Via dei Missaglia 117 MILANO campo F

Carlo Festa: Barbara Berlusconi chiede spazio, ma c’è bisogno di trovare nuovi capitali

Lo scorso 2 giugno questo blog era stato anticipatore delle vicende societarie e sportive di questi giorni dell’Ac Milan. Con il ruolo crescente (e sempre meno paziente) di Barbara Berlusconi non solo verso la guida tecnica di Massimiliano Allegri, ma anche verso la gestione societaria di Adriano Galliani. Siamo dunque arrivati alla resa dei conti? Secondo le indiscrezioni Allegri  si giocherà la riconferma nelle prossime partite tra campionato e Champions League, ma quello che emerge sempre di più è la volontà di Barbara Berlusconi, appoggiata dal padre, ad avere un peso maggiore nelle scelte societarie. Fin qui tutto abbastanza prevedibile. Meno prevedibile, invece, è quello che potrebbe succedere all’assetto societario del Milan nel futuro prossimo. Fininvest (e soprattutto Silvio Berlusconi) hanno sempre smentito un disimpegno. Ma, negli ambienti finanziari, l’impressione è un’altra. Come è ormai noto Fininvest non può più spendere decine di milioni di euro per ingaggiare i migliori giocatori e anche i cugini interisti hanno mostrato che aprire il capitale ai nuovi magnati dei Paesi emergenti non è poi così difficile. Il caso Moratti-Thoir insegna. Il Milan, rispetto all’Inter, ha ottenuto una maggiore eco internazionale in Russia, Paesi del Golfo e Medio Oriente. Cioè le zone dove oggi sono presenti i nuovi milionari. E, secondo i rumors, qualche milanista eccellente sarebbe già al lavoro per trovare una soluzione. Resta il maggior nodo da sciogliere: la famiglia Berlusconi è sempre stata recalcitrante ad aprire il capitale, anche a soci di minoranza. Ma la domanda che circola in ambienti finanziari è questa: è meglio cedere una quota del Milan ora, in una fase in cui ha ancora un palcoscenico internazionale cui mostrarsi, o fra alcuni anni, quando forse il valore del brand potrebbe essere meno attraente?

http://carlofesta.blog.ilsole24ore.com/2013/11/04/ac-milan-barbara-berlusconi-chiede-spazio-ma-ce-bisogno-di-trovare-nuovi-capitali/

Carlo Festa: Allegri riconfermato al Milan. Ma sul futuro pesa l’incognita Barbara Berlusconi

La riconferma c’è dunque stata. Ieri ad Arcore, Silvio Berlusconi e Adriano Galliani hanno incontrato il tecnico del Milan Massimiliano Allegri. E il tecnico è stato riconfermato, anche se la fiducia pare essere a tempo: quindi per ora per un solo anno. Quindi una via di mezzo, tra chi nelle fila rossonere voleva una riconferma più solida (cioè Galliani) e chi voleva invece l’immediato divorzio (Silvio Berlusconi), preferendo la soluzione dell’olandese Clarence Seedorf.

Resta da capire quanto Allegri possa essere contento della soluzione. L’arrivo alla As Roma gli avrebbe infatti garantito un contratto pluriennale. In rossonero invece l’incertezza sarà d’obbligo, soprattutto da quando Barbara Berlusconi, la figlia dell’ex-premier e nel Cda del Milan e della Fininvest, starebbe cercando maggiore spazio sulle scelte tecniche e gestionali del club. Di certo Barbara non sembra essere stata felice dell’allontamento in Brasile del fidanzato Pato, dopo che l’anno prima erano state rispedite al mittente le avance di acquisto di alcuni grandi club. Insomma nella prossima stagione si preannuncia una convivenza difficile in casa Milan e c’è già chi teme che una falsa partenza in campionato di Allegri (che però ha tutta la squadra dalla sua parte) potrebbe in qualche modo accendere la miccia per un veloce riassetto.

http://carlofesta.blog.ilsole24ore.com/2013/06/02/allegri-milan-stasera-la-riconferma-per-un-solo-anno-ma-sul-futuro-pesa-lincognita-barbara-berluscon/