Gioielleria Milan: Maldini jr, bomber Colombo, il gigante Jungdal, ecco i Giunti boys

Federico Giunti, 48 anni. Lapresse

I rossoneri promossi in Prima Divisione dopo un campionato dominato: tutti i nomi da tenere d’occhio per il futuro

Marco Calabresi22 febbraio – 18:40 – MILANO

Che il Milan, con la Primavera, volesse subito tornare nella categoria che le compete, si era capito già dal mercato estivo. In rossonero sono arrivati due attaccanti come il brasiliano Luan Capanni (ex Lazio, che con Inzaghi aveva già esordito in Serie A) e l’ex Catania Emanuele Pecorino. Tra campionato e Coppa Italia hanno segnato 17 gol in due (nove Pecorino, otto Capanni), ma nessuno dei due era in campo dal 1′ nella partita contro la Spal.Commenta per primo

In panchina, invece, è rimasto Federico Giunti: tornato al settore giovanile dopo essere arrivato fino alla Serie B (Perugia), lo scorso anno da subentrato all’esonerato Alessandro Lupi non era riuscito a evitare la retrocessione alla fine di una stagione disgraziata, ma è rimasto in sella e ha riportato il Milan nella Serie A della Primavera.SERIE AFiorentina22/0220:45Milan

Daniel Maldini ha esordito in serie A nei minuti finali contro il Verona. Ansa

Daniel Maldini ha esordito in serie A nei minuti finali contro il Verona. Ansa

CONFERME

—   

In attacco, nel Milan che ha battuto 3-1 la Spal conquistando aritmeticamente la promozione con quattro giornate di anticipo, c’erano Giacomo Olzer, Riccardo Tonin e Lorenzo Colombo, tutti già nel settore giovanile rossonero. Proprio Colombo, che già nel 2018 fece parte sotto età della spedizione della Nazionale Under 17 all’Europeo, è stato il “nuovo acquisto” delle ultime settimane: cinque gol nelle ultime quattro partite dopo la frattura al piede. E’ nato a Vimercate, Colombo; gli altri due, invece, arrivano da nord-est. Da Rovereto Olzer, dalla provincia di Vicenza (nato ad Arzignano, cresciuto a Brogliano) Tonin.

ASSENTI PRESENTI

—   

Diciassette gol in due li hanno segnati anche Daniel Maldini e Marco Brescianini, che non erano al Vismara a festeggiare con i compagni. Cause di squadra maggiore: Stefano Pioli li ha convocati per la trasferta di Firenze e uno, il figlio d’arte, ha pure già esordito in Serie A contro il Verona e – dopo Milan-Juve di Coppa Italia – ha regalato anche la sua maglia al collezionista Gigi Buffon. Brescianini, invece, è nato a Calcinate (nello stesso paese di Belotti), e ha da pochi mesi rinnovato il suo contratto fino al 2024, un anno in più rispetto all’accordo con Alessandro Sala, altro centrocampista da seguire. Brescianini è un classe 2000, gioca in Primavera da fuoriquota e si pensava potesse già andare in prestito in B a gennaio: alla fine è rimasto a Milanello, il viaggio si farà la prossima stagione. A proposito di fuoriquota, è anche il Milan di Emanuele Torrasi, il più grande di tutti: è nato nel 1999, ma la fortuna gli ha voltato le spalle, con una serie di infortuni che il centrocampista ha superato.

Matteo Soncin, classe 2001. Lapresse

Matteo Soncin, classe 2001. Lapresse

PORTIERE

—   

E chissà cosa ne sarà di Matteo Soncin, portiere 2001 che per talento segue le orme di Gigio Donnarumma e Alessandro Plizzari, anche se la struttura fisica non è la stessa. La sua porta, grazie anche alla difesa guidata da Tommaso Merletti, è ovviamente quella meno battuta di tutto il campionato Primavera: soli 13 gol subiti, neanche l’Atalanta campione d’Italia in Primavera 1 sa fare meglio. Con Soncin si è alternato il danese Jungdal, alto quasi due metri e preso dal Vejle: oggi è diventato maggiorenne, per lui festa doppia.

COPPA ITALIA

—   

Il Milan, in questa stagione, una partita l’ha persa, in Coppa Italia al Franchi contro la Fiorentina. Aveva superato tre turni, e tutti in trasferta, eliminando Sampdoria, Spezia e il Torino che lo scorso anno era arrivato fino alla finale. A vincere il trofeo erano stati i viola, anche quest’anno arrivati all’atto decisivo: affronteranno il Verona, che è nel girone del Milan in campionato, e a cui i rossoneri il 9 novembre hanno fatto cinque gol.

https://www.gazzetta.it/Calcio/Serie-A/Milan/22-02-2020/milan-primavera-anticipo-maldini-jr-gioiellino-colombo-tutti-ragazzi-giunti-3601153569842.shtml

BRESCIANINI'S GOAL SECURES PRIMAVERA WIN

Giunti’s Rossoneri get off the mark as captain Marco Brescianini’s goal secures all three points in Pordenone on matchday two of the championship. After drawing at home against Spezia last week, it was important that the Primavera left with all three points. A left-footed strike from the captain nineteen minutes into the first half gave AC Milan the advantage, and the visitors were able to see the result over the line. AC Milan face Venezia at the Vismara sport centre next Saturday.

COACH GIUNTI’S POST-MATCH REACTION

The game was positive, we created a lot more than the scoreline suggests. The only regret is that we were unable to finish the game earlier. I am happy with the performance of my team, we will always come up against teams like Pordenone who fight until the very last minute. The group simply needs to build confidence and self-esteem, which is only possible through hard work, good performances and victories. I am sure we will achieve our objectives. On Wednesday we have a very important match, the Coppa Italia is something we care a lot about. It will be a tough challenge – Samp have a rich tradition of youth football.

https://www.acmilan.com/en/news/youth-team/2019-09-21/brescianinis-goal-secures-primavera-win

ECCO IL GIRONE DEL MILAN PRIMAVERA

I rossoneri ripartono dal Girone A della Primavera 2: esordio il 14 settembre

SETTORE GIOVANILE

Sono stati resi noti ufficialmente i gironi della prossima stagione di Primavera 2: i rossoneri di Mister Giunti, reduci dal primo successo in amichevole a Storo contro l’Hellas Verona, sono stati inseriti all’interno del Girone A, che avrà la seguente composizione a 12 squadre.

Girone A: Brescia, Cittadella, Cremonese, Hellas Verona, Milan, Parma, Pordenone, SPAL, Spezia, Udinese, Venezia, Virtus Entella. 

LE DATE DELLA STAGIONE

La prima giornata della stagione è in calendario il 14 settembre 2019. Il campionato di Primavera 2 osserverà la prima sosta dopo la quarta giornata, il 12 ottobre, fine settimana dedicato alle nazionali. Seconda sosta dopo l’ottava giornata, il 16 novembre. Il girone d’andata si chiude il 7 dicembre 2019 e subito a ruota, il 14 dicembre, inizierà il girone di ritorno prima di lasciare spazio alla sosta natalizia. Si torna in campo il 18 gennaio, con una sola altra sosta prima della fine della stagione regolare, il 21 marzo, tra la 10° e l’11° (e ultima) giornata, che si giocherà il 4 aprile. Spazio infine ai playoff promozione: turno preliminare l’11/4, quarti di finale il 18/4 e il 25/4, semifinali il 2/5 e il 9/5 e finale il 16/5 (andata) e il 23/5 (ritorno). 

https://www.acmilan.com/it/news/settore-giovanile/2019-08-11/ecco-il-girone-del-milan-primavera

AC MILAN PRIMAVERA SQUANDER THREE-GOAL LEAD

Chievo make a late comeback to deny the Rossoneri the three points

YOUTH TEAM

A win that was thrown away. It’s hard to explain what happened on matchday 22 at the Stadio Comunale Caselle in Sommacampagna, where AC Milan Primavera were 3-0 up after a great first half before letting it slip as Chievo came back to draw 3-3. The Rossoneri’s goalscorers were Maldini, Sala and Tsadjout, and there was no sign of what was to come until halfway through the second half. It seemed that the first opposition goal would only be a consolation, but it instead triggered a complete capitulation from Giunti’s side. The team started the game very well, taking the lead and extending it. In the second half, they seemed to be managing the lead well before falling apart. The result doesn’t tell the full story of how the game went and it’s a precious opportunity missed to pick up points with the team in a real relegation battle.

CHECK OUT THE PHOTOS FROM CHIEVO V AC MILAN  

THE REPORT
Milan Primavera got off to a flying start. In the second minute, Capanni played in a cross from the left which Tsadjout headed to Maldini, who also used his head to make it 1-0. In the eighth minute, Capanni carried the ball forward into the area before sliding it across to Sala for the tap-in to make it 2-0. The Rossoneri were in control and made it 3-0 in the 43rd minute with a great piece of play from Tsadjout, who got away from his man before finishing beyond the oncoming Malaguti. At the start of the second half, the rhythm dropped with Chievo trying but struggling to create chances. In the 67th minute, they were able to get one back with a Rabbas shot across goal. From then on, the Rossoneri fell apart and were pegged back. In the 83rd minute, Rovaglia found the net with his chest from a corner before D’Amico equalised in the 86th minute after controlling the ball and volleying home. Before the final whistle, the visitors had chances to win it but it wasn’t to be.

MATCH SUMMARY

CHIEVO 3-3 AC MILAN

CHIEVO (4-3-3): Malaguti; Pavlev, Kaleba, Farrim (46’ Rovaglia), Ndrecka; Zuelli, Karamoko (63’ Raffa), Bertagnoli; D’Amico, Juwara, Tuzzo (46’ Soragna). Subs: Boseggia, Salvaterra, Enyan, Metlika, Rabbas, Rossi, Italeng Ngock, Corti. Coach: Mandelli.

AC MILAN (4-3-1-2): Soncin; Bellanova, Merletti, Djaló, Negri; Sala (60’ Frigerio), Brambilla (71’ Mionic), Brescianini; Maldini (85’ Haidara); Tsadjout, Capanni. Subs: Guarneri, Desplanches; Abanda, Barazzetta, Martimbianco, Ruggeri; Michelis, Torrasi; Tonin. Coach: Giunti.

Referee: Davide Moriconi
Goals: 2′ Maldini (M), 8′ Sala (M), 44′ Tsadjout (M), 67’ Rabbas (C), 83’ Ravaglia (C), 86’ D’Amico (C).
Bookings: 71’ Sala (M), 90’+3 Pavlev (C).

https://www.acmilan.com/en/news/youth-team/2019-03-09/milan-primavera-squander-three-goal-lead-against-chievo

Daniel Culotta, un “cefaludese” nel segno di Maldini

Daniel Culotta 17enne difensore centrale della Primavera del Milan ci ha gentilmente rilasciato un’intervista. Classe 2001 nativo di Asasa (Etiopia), all’età di 6 anni è stato adottato da una famiglia lombarda con note origini cefaludesi. Daniel dopo aver vinto la scorsa stagione il campionato nazionale under 16 con la fascia da capitano oggi è un punto fermo della seconda squadra rossonera e con un futuro promettente. Una bella favola la sua che coinvolge anche la cittadina normanna.

Il tuo è un cognome tipico della zona cefaludese. Spiega ai nostri lettori le origini della tua famiglia.
“Si, il mio cognome è tipico di Cefalù, sia famiglia di origine di mio papà che di mia mamma è originaria di questo paese. Noi viviamo in Lombardia ma i nonni e gli altri parenti si trovano a Cefalù”.

Hai mai visitato Cefalù? E se si che impressioni hai avuto?
“Cefalù mi piace tantissimo, è molto bella, la conosco molto bene, tutte le estati infatti trascorro parte delle mie vacanze proprio a Cefalù. Ovviamente vado a trovare i miei parenti ma mi diverto ad andare a mare e a fare passeggiate fra le vie caratteristiche del paese, ovviamente mangiando granite e gelati.”

Campione d’Italia con l’under 16 indossando la fascia da capitano, cosa si prova?
“Diventare campione d’Italia e ancor più con la fascia da capitano, mi ha fatto provare un’emozione indescrivibile. Ero incredulo persino dopo aver alzato la coppa. Abbiamo giocato i play off crescendo come squadra partita dopo partita è questo ci ha caricato tantissimo. Sono stato orgoglioso di tutti i miei compagni e del mister che mi hanno fatto questo gran regalo.”

In questa stagione, sempre con i colori rossoneri,  stai affrontando il campionato “Primavera 1”. Un campionato pieno di alti e bassi con mister Giunti che è subentrato a Lupi. Hai notato differenze tra i due metodi di allenamento?
“Il mister Giunti é da poco subentrato a Lupi, per questo non posso dare un giudizio preciso ma la prima impressione é molto positiva. Lupi invece lo conosco tanto e mi ritrovo molto nel suo modo di vedere il calcio.”

La primavera 18/19 dove può arrivare per te?
“Non abbiamo iniziato nel migliore dei modi questo campionato ma penso che possiamo fare molto meglio e fare grandi cose.”

Hai mai incontrato giocatori della prima squadra? Che impressione ti ha fatto lavorare accanto a loro?
“Ho fatto qualche allenamento con la prima squadra, ho notato subito la differenza di intasitá e qualità. Giocatori come Romagnoli, Higuain, Donnarumma… Sono giocatori che un anno fa guardavo alla televisione e scendere in campo per l’allenamento con loro è un orgoglio immenso.”

Il giocatore a cui ti ispiri maggiormente.
“Il mio idolo é sempre stato Paolo Maldini e avendo avuto la fortuna di conoscerlo di persona posso dire che é una persona umile. Mi ispiro molto a lui come calciatore ma sopratutto come uomo.”

Verrai a trovarci a Cefalù?
“Certo! Dopotutto é la mia città!”

Grazie e in bocca al lupo per il prosieguo della tua carriera!
“Grazie a voi!”

Giacomo Lombardo.

https://www.cefaluweb.com/2019/01/05/daniel-culotta-un-cefaludese-nel-segno-di-maldini/

F. Galli: “Daniel Maldini talento innato, ha le movenze di Paolo”

Gennaro Gattuso ha infatti deciso di convocare il più piccolo dei Maldini, cioè Daniel, classe 2001. Di lui si parla un gran bene e c’è molta curiosità di vederlo in campo. Per conoscerlo meglio, i colleghi di Calciomercato.com hanno intervistato Filippo Galli, ex responsabile del settore giovanile rossonero: “Daniel ha un talento innato che ha spesso mostrato nel settore giovanile, vincendo anche il campionato nazionale under 16″, ha esordito Galli. Che ha poi continuato: “E’ un giocatore che ‘vede’ calcio, ha letture davvero importanti. Ha fatto un percorso nel settore giovanile che gli ha permesso di sviluppare determinate doti che sono fondamentali se si vuole fare questo sport a un certo livello“.

Il ruolo è molto diverso rispetto a quello di papà Paolo e nonno Cesare: “Gioca sulla trequarti, ma può fare bene in diversi ruoli“. Molto simili sono invece le movenze: “Si, effettivamente sia lui che suo fratello Cristian hanno delle movenze di Paolo, lo stile della corsa è simile“. Infine sul peso del cognome, che non pare incidere sulla testa del ragazzo: “Sinceramente non mi pongo il problema del cognome pesante, non ha mai dato la sensazione di subire o voler far leva su questo aspetto“.
— Read on www.milanlive.it/2018/09/07/news-milan-galli-daniel-maldini/

Milannews: Il Vismara cambia look, nuove insegne con il logo Puma

Il Milan ha cambiato da poco il proprio sponsor tecnico, passando da Adidas a Puma. Oltre alle maglie, questa novità ha costretto il club milanista a rinnovare le proprie insegne a Milanello e al Centro Sportivo Vismara, sede del settore giovanile rossonero. Ecco quindi, nelle foto di MilanNews.it, il nuovo look del Vismara.

by Fabio Anelli

https://www.milannews.it/news/foto-mn-anche-il-vismara-cambia-look-nuove-insegne-con-il-logo-puma-300750

 

PRIMAVERA DA IMPAZZIRE: SARÀ FINALE DI TIM CUP

Dopo il 2-0 dell’andata, i ragazzi di Lupi si ripetono anche al ritorno: battuta l’Atalanta 3-2在主场2-0战胜亚特兰大之后,Lupi的球队又在客场3-2取胜

Ora possiamo dirlo: la finale è nostra! Grazie ad una prova superlativa, infatti, la Primavera di Alessandro Lupi strappa il pass per l’ultimo atto della TIM Cup 2017/2018 di categoria, dove i rossoneri affronteranno in gara di andata (6 aprile) e ritorno (13 aprile) il Torino. All’Atleti Azzurri d’Italia, si è vista una grande partita, tra due squadre diverse ma con un unico obiettivo: passare il turno. Alla fine a fare festa sono i nostri ragazzi, che grazie ai gol di MuratiSinani e Tsadjout, certificano un passaggio del turno che – sommato al secco 2-0 dell’andata – appare più che mai meritato. C’è voluto tanto cuore, davvero tanto, per portare a casa un successo (3-2) mai in discussione nell’arco dei 90′ di Bergamo. Una prestazione matura, di personalità e sostanza, di una squadra che, gara dopo gara, sta raggiungendo livelli di consapevolezza importanti. Ci sarà tempo per pensare al Torino, ora la testa è già proiettata alla sfida di sabato contro il Napoli.

CRONACA
È subito la formazione di Mister Lupi a fare la voce grossa in avvio di partita. Al 13′, infatti, al primo vero affondo, i rossoneri passano: inserimento centrale e destro secco di Murati che batte imparabilmente Carnesecchi. È il gol che mette in discesa la partita. Ma l’Atalanta non sta a guardare e la risposta nerazzurra non si fa attendere. Al 31′ è Barrow – di testa – a rimettere in equilibrio la sfida. La rete bergamasca sembra il preludio ad un assedio dei padroni di casa, ma il Milan ha personalità (tanta) e qualità (in diversi singoli). A dimostrazione di questo, al 38′, arriva il nuovo vantaggio rossonero: corner dalla sinistra di Dias e incornata vincente di Sinani, che fa 2-1. È questo il momento decisivo della sfida, che al 51′ vede l’episodio che chiude il discorso qualificazione. Questa volta è Tsadjout a mettersi in proprio e lasciar partire un sinistro dai 25 metri che non dà scampo a Carnesecchi per il 3-1 in favore del Diavolo. Nel finale viene fuori tutto l’orgoglio dei padroni di casa, che al 79′ accorciano le distanze con Melegoni, ma non basta: in finale ci andiamo noi!

GUARDA ANCHE: LUPI “BRAVI RAGAZZI, MA POSSIAMO ANCORA CRESCERE”

IL TABELLINO

ATALANTA-MILAN 2-3

ATALANTA (4-3-3): Carnesecchi, Del Prato, Alari, Bastoni, Migliorelli (1’st Latte); Colpani (24’st Peli), Bolis, Melegoni; Kulusevski, Barrow, Mallamo (30’st Elia). A disp.: Pavan, Zortea, Guth, Heidenreich, Carminati, Salvi, Rinaldi, Nivokazi, Zanoni. All.: Massimo Brambilla.

MILAN (4-3-3): Soncin; Bellanova, Bellodi, Gabbia, Llamas; Pobega (24’st Brescianini), El Hilali, Murati; Dias, Tsadjout (28’st Larsen), Sinani (30’st Forte). A disp.: Guarnone, Negri, Campeol, Bianchi, Torchio, Chiampanin, Capanni, Finessi, Sanchez. All.: Alessandro Lupi.

Arbitro: Mei di Pesaro.
Gol: 13′ Murati (M), 31′ Barrow (A), 38′ Sinani (M), 6’st Tsadjout (M), 34’st Melegoni (A).

https://www.acmilan.com/it/news/settore-giovanile/2018-02-07/primavera-da-impazzire-sara-finale-di-tim-cup

Atalanta-milan 2-3. LUPI: “BRAVI RAGAZZI, MA POSSIAMO ANCORA CRESCERE”

A Milan TV le parole del Mister, Soncin e Tsadjout al termine della sfida tra Atalanta e Milan

news-itw-lupi-primavera-timcup-atalanta-milan
Alessandro Lupi, coach of Milan Primavera, during the match

Al triplice fischio dell’Atleti Azzurri d’Italia, è intervenuto ai microfoni di Milan TV il tecnico rossonero Alessandro Lupi, che ha così commentato l’approdo dei suoi ragazzi alla finale della Primavera TIM Cup.

随着三声哨响,米兰预备队客场战胜亚特兰大进入预备队意大利杯决赛。主教练Alessandro Lupi对Milan TV发表了看法。

GARA
“È stata una partita sofferta contro una grande squadra. L’Atalanta ha fatto un’ottima partita, gli faccio i complimenti. Noi siamo stati abili e fortunati a segnare subito al primo tiro in porta. Noi abbiamo fatto una buona prestazione sia a livello caratteriale che in fase difensiva, ma dobbiamo assolutamente crescere in fase di possesso palla”.

比赛
“这是一场艰难的比赛,亚特兰大是一支强大的球队,祝贺他们踢了一场精彩的比赛。我们很幸运的在刚开场不久的第一脚射门就进球了。我们在比赛心态和防守方面做得不错,但必须在控球方面进行提高。”

MIGLIORARE

“Siamo stati bravi nel chiudere le linee di passaggio loro, ma, ripeto, dobbiamo migliorare nel creare noi queste linee di passaggio. I ragazzi devono capire che per diventare professionisti devono alzare il livello”.

改进
“我们给对手防线造成了不少威胁,但还是要说,我们必须更多地创造传球线路。孩子们必须懂得,要成为职业球员,他们的水平还要进一步提升。”

FINALE
“Sarà più avanti, adesso dobbiamo pensare a fare bene a Napoli. Il nostro obiettivo principale è quello di salvarci, poi è chiaro che andiamo in campo sempre per vincere. Sono orgoglioso di questi ragazzi, perché questa sera hanno interpretato la gara da squadra”.

决赛
“距离决赛还有很长一段时间。现在我们要去思考怎么样踢好和那不勒斯的联赛。我们的基本目标是拯救自己,然后要清楚我们站在球场上永远是为了赢球。我很骄傲孩子们今晚踢出了团队足球。”

I ragazzi devono capire che per diventare professionisti devono alzare il livello

GUARDA ANCHE: LE MIGLIORI IMMAGINI DI ATALANTA-MILAN

Ha parlato, sempre a Milan TV, un altro protagonista della sfida dell’Atleti Azzurri d’Italia, Frank Tsadjout“Mi aspettavo le difficoltà di questa sera. È stato importante sbloccare subito la gara”. Sulla sua prestazione: “Loro sono una squadra molto fisica, ma grazie al mio stato di forma sono riuscito a creare occasioni da gol”. Cos’è cambiato nell’ultimo anno? “Rispetto agli altri anni siamo meno sfilacciati in campo, siamo più squadra, siamo uniti, e di questo va dato merito sia a Mister Gattuso e Mister Lupi”. Elemento decisivo: “La fiducia che mi hanno dato lo staff e i compagni è stata fondamentale. Poi sicuramente sta influendo anche il fatto di avere maggior continuità”.Futuro: “Ora dobbiamo pensare a Napoli. È chiaro, pensando alla finale troveremo un avversario tosto, ma dovremo affrontarla con la consapevolezza che ce la possiamo fare”.

Frank Tsadjout:
“我想到了今晚会是一场困难的比赛,我们很快打破了比赛的平衡,这很重要。亚特兰大的身体素质非常好,但我身体状态不错,创造了进球机会。与往年相比,我们更加团结、配合更加默契,这要感谢Gattuso和Lupi教练。进球的关键性因素是教练组和队友给予我很大信任,同时这也提升了我表现的连续性。现在我们必须考虑的是对那不勒斯的比赛,不过我们会带着胜利的信心去面对它。”

Ora dobbiamo pensare a Napoli

LEGGI ANCHE: IL REPORT DI ATALANTA-MILAN

Queste le parole, al canale tematico rossonero, di Soncin a fine partita: “Provo grande soddisfazione. Sapevamo non sarebbe stato semplice, ma siamo stati bravi”. Di chi sono i meriti? “Il merito è di tutto il gruppo, abbiamo interpretato bene questa partita. Stiamo crescendo, sia dal punto di vista del gioco che da quello caratteriale, e i risultati lo dimostrano”.

Matteo Soncin:
“我感到非常开心,我们知道这场比赛不容易,但我们做得很好。这是整个团队的功劳。我们在进步,特别是在阅读比赛的视角和比赛心态方面,这个结果证明了这一点。”

Il merito è di tutto il gruppo

https://www.acmilan.com/it/news/settore-giovanile/2018-02-07/lupi-bravi-ragazzi-ma-possiamo-ancora-crescere

Milannews:Primavera, buone notizie per Lupi: Tiago Dias a disposizione questa sera contro l’Atalanta

54ab06b2cb4f1fd54dac0e6ff230f71e-11077-1503655201

Tiago Dias, attaccante esterno della Primavera rossonera, sarà regolarmente a disposizione di mister Lupi per il match di questa sera in casa dell’Atalanta, valido per la semifinale di ritorno della Copp Italia Primavera. Ad annunciarlo è stato lo stesso allenatore milanista ieri sera a margine dell’evento “Premio Amico dei Bambini… Un Esempio per loro”.

U17 A e B, una rete di Rossi decide il derby contro il Milan | Inter Youth

Basta una rete di Kevin Rossi per regalare all’U17 A e B nerazzurra la vittoria nel derby contro il Milan: dopo i primi 20 minuti di sostanziale confusione in cui si segnalano solo una bella discesa sulla destra di Vaghi e il tiro di Duse finito di poco a lato, infatti, al 26′ Fonseca approfitta di un errore della difesa rossonera e serve il numero 10 nerazzurro che da posizione defilata manda il pallone alle spalle del portiere Soncin.

I padroni di casa continuano a spingere e al 29′ è Duse ad impegnare l’estremo difensore ospite con un tiro deviato in angolo, mentre a inizio ripresa ancora Soncin compie un miracolo su Vergani (43′).

Il Milan prova ad agguantare il pareggio provandoci con Tonin, ma Pozzer e compagni fanno buona guardia e salvano il risultato.

Al 53′ Vergani lavora benissimo un pallone per il neo entrato ChrysostomouSoncin è attento e nega al giovane cipriota la gioia del gol, ripetendosi poi pochi minuti più tardi quando neutralizza il tentativo di Del Grosso (56′).

I rossoneri pressano alla ricerca spasmodica del pareggio andandoci vicinissimi in pieno recupero, ma Vaghi effettua un miracoloso salvataggio sulla linea che chiude, di fatto, la gara e consegna all’Inter i tre punti e la gioia di rendere Milano, ancora una volta, nerazzurra.

Man of the Match InterYouth è: Kevin Rossi. Il centrocampista classe ’01 oggi può ritenersi più che soddisfatto: disputa infatti una buona gara fatta di corsa e sacrificio, aiuta la squadra in entrambe le fasi e si toglie anche la gioia del gol, regalando ai suoi compagni una meritatissima vittoria.

http://www.interyouth.it/squadre/allievi-nazionali-a/u17-a-e-b-una-rete-di-rossi-decide-il-derby-contro-il-milan/

Matteo Soncin convocato anche per il match con la Fiorentina

CALCIO SERIE A Dopo il derby di Coppa Italia contro l’Inter, per Matteo Soncin, giovane portiere originario di Porto Viro (Rovigo) ed estremo difensore della Primavera del Milan, arriva anche la chiamata per il match di campionato 

Gigio Donnarumma era infortunato, Marco Storari si è fatto male durante il riscaldamento, così Matteo Soncin (16 anni di Porto Viro), è stato convocato da mister Gattuso per il derby di Coppa Italia del 27 dicembre, in panchina ovviamente. Ora per Marco Soncin si avvicina anche il match di Serie A contro la Fiorentina 
ULTIMA ORA – Nel primo pomeriggio di venerdì 29 dicembre purtroppo la notizia della mancata convocazione di Soncin che avrebbe avuto un problema durante la rifinitura (LEGGI ARTICOLO)


Milano – Continua la favola del giovane Matteo Soncin, classe 2001, originario di Porto Viro, cresciuto nella ‘cantera’ del Bocar Juniors Cmp, squadra giovanile che recentemente ha sviluppato un progetto ampliando i propri orizzonti con un accordo di crescita con l’Adriese, e abbracciando le realtà di Ariano nel Polesine, Corbola e Bottrighe.
Primi passi nel Porto Tolle 2010, ossevato speciale di Piero Carnacina 
che ora guida il settore giovanile del Delta, poi Spal, Padova, Bocar e il Milan.

Matteo Soncin milita nella Primavera del Milan, dopo la convocazione per il derby in Coppa Italia, disputato alla Scala del calcio di San Siro, mercoledì 27 dicembre, vinto 1-0 dai rossoneri di Gennaro Gattuso contro l’Inter di Luciano Spalletti, grazie alla rete di Patrick Cutrone siglata al minuto 104 (nel primo tempo supplementare), è stato nuovamente inserito nella lista dei disponibili per il lunch match contro la Fiorentina di Stefano Pioli, che verrà giocato allo stadio Artemio Franchi, sabato 30 dicembre, alle ore 12.30 

Andrea Rizzatello

http://www.rovigooggi.it/articolo/2017-12-29/matteo-soncin-convocato-anche-per-il-match-con-la-fiorentina/#.WnErCTxB2Ec

Lupi: “provo grande soddisfazione” | AC Milan

27 gennaio 2018

LUPI: “PROVO GRANDE SODDISFAZIONE”

Il tecnico rossonero e El Hilali hanno commentato il successo sull’Inter

Al termine del rocambolesco successo nella stracittadina contro l’Inter, Mister Lupi è intervenuto nella zona mista per commentare la sfida.

SULLA PARTITA

“È una grande soddisfazione. Abbiamo affrontato una squadra fortissima che ha giocatori di livello assoluto. Faccio un applauso ai miei ragazzi che sono stati bravi ad interpretare quello che gli è stato chiesto nei particolari. Questa è una cosa importante e che mi fa enorme piacere”.

INTER

“Sono oggettivamente una corazzata, non solo per la posizione in classifica, ma anche per la Supercoppa che hanno recentemente conquistato. Noi abbiamo una media età molto bassa, siamo in una fase di crescita. Sono molto orgoglioso di quello che hanno fatto i ragazzi oggi”.

SULLA SQUADRA

“I ragazzi hanno iniziato un percorso preciso fin da questa estate con Mister Gattuso e il suo staff. Noi stiamo proseguendo questo lavoro. È grazie all’insieme di queste componenti che si ottengono risultati e prestazioni come quella di oggi”.

GABBIA

“Si è inserito molto bene, con grande umiltà. Può essere un ragazzo di grandi prospettive”.

LEGGI IL REPORT DI INTER-MILAN

Ha parlato anche capitan El Hilali, che ha analizzato la vittoria: “Abbiamo fatto un’ottima partita, siamo contenti del risultato ottenuto. Abbiamo portato un risultato molto importante per il club”. Sull’andamento della gara: “Il pareggio ci stava stretto, e dopo aver preso l’1-1 volevamo a tutti i costi vincere, siamo andati in avanti e ce l’abbiamo fatta. È stata una bella rivincita dopo il Derby dell’andata”. Testa ora alle prossime sfide: “Abbiamo la partita contro il Bologna prima, poi penseremo all’Atalanta, è una partita molto importante”.

GUARDA ANCHE: LE MIGLIORI IMMAGINI DI INTER-MILAN

https://www.acmilan.com/it/news/settore-giovanile/2018-01-27/lupi-provo-grande-soddisfazione