Higuain, il nuovo Trezegol

Il 18enne attaccante del River Plate ha una storia simile a quella dello juventino ed è il volto nuovo del calcio argentino. Ha il doppio passaporto: Domenech potrebbe convocarlo per la Francia

PARIGI (6 novembre 2006) Si scrive Higuain, ma si pronuncia Higuaìn, con l’accento sulla “i”. Il nuovo Fenomeno del calcio argentino, 18 anni, punta del River Plate, ha passaporto francese. E il c.t. dei bleus, Raymond Domenech, lo ha già inserito nella lista dei convocabili per l’amichevole con la Grecia del 15 novembre.
TREZEGUET – L’attaccante dei milionarios ha conquistato la stampa transalpina con la doppietta firmata l’8 ottobre nel “superclasico” contro il Boca Juniors, e soprattutto con la sua storia, simile a quella di David Trezeguet, nato a Rouen e cresciuto nel Platense prima di approdare al Monaco, nel 1995.
BRETAGNA – Higuain è nato in Bretagna. Il papà, ex calciatore che chiuse la carriera allo Stade Brestois, è argentino. La mamma, francese. Gonzalo è cresciuto a Buenos Aires e parla solo spagnolo, ma sogna di indossare la maglia dei vicecampioni del mondo e ha già detto no all’Argentina under 20.
FESTA – Il suo sogno sta per diventare realtà. La preconvocazione con i Bleus è arrivata per lettera, in inglese, mercoledì scorso, festeggiata da tutta la famiglia. “Ha voglia di essere francese e può interessarmi”, spiega Domenech che svelerà la lista definitiva il 9 novembre. Daniel Passarella, che guida il River Plate, lo definisce come un mix tra Zidane e Francescoli. Più simile a Henry che a Trezegol.
MERCATO – Il contratto di Higuain, a segno 7 volte in 18 match, scade a giugno. Il suo club è in trattativa per il rinnovo, ma il giovane fantasista vuole l’Europa. Il prezzo è salito a 15 milioni di euro nelle ultime settimane, in vista di una cessione a gennaio. In pole, Psg, Marsiglia e St. Etienne. Sembra che anche il Milan (Ariedo Braida è stato visto di recente alle partite del River per seguirlo) lo stia tenendo d’occhio. Lo scorso weekend, però, Higuain padre era a Madrid: due ore d’aereo da Parigi e almeno lì si parla spagnolo.

https://www.gazzetta.it/Calcio/Estero/Primo_Piano/2006/11_Novembre/06/grandesso.shtml

Advertisement

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s